Lo smart working è attuabile senza accordo scritto per i prossimi 6 mesi

Lo scorso 2 Marzo, è entrato in vigore il DPCM datato 1/03 che contiene nuove disposizioni in merito allo smart working per il prossimo semestre nella modalità di lavoro agile disciplinata dagli articoli da 18 a 23 della legge 22 maggio 2017, n. 81.

Le nuove disposizioni possono essere applicate, per 6 mesi, su tutto il territorio nazionale, anche in assenza di accordi individuali, assolvendo, anche in via telematica, agli obblighi di informativa sulla salute e sicurezza.

L’emergenza che stiamo vivendo ha portato il governo ad agevolare lo smart working nelle diverse forme esistenti, per tutti i lavoratori dipendenti non solo nelle “zone rosse” del contagio, ma anche  in tutte le regioni a rischio e colpite dal Covid-19: Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia, Veneto, Liguria, Friuli Venezia Giulia. E da oggi in tutta l’Italia.

 

APPROFONDISCI QUI