“Noè e Dioniso l’origine del Vino” – Un sostegno alla cultura nel nostro territorio

In occasione dei festeggiamenti per il decimo anniversario di Villa della Torre, Metis Solutions ha accolto l'invito a sostenere un bel momento di incontro culturale, in una cornice d'incanto.

Giovedì 23 maggio ore 18:00
Conversazione con Massimo Cacciari
"NOE' E DIONISO: L'ORIGINE DEL VINO"

Villa della Torre Allegrini - Fumane (VR)
10° anniversario

 

2009/2019

Sono 10 anni che Villa Della Torre, il capolavoro manierista di Giulio Romano e Michele Sanmicheli, è tornato a nuova vita grazie all’acquisizione del sito da parte di Marilisa Allegrini che così, coronando il suo sogno, l’ha unito a Palazzo della Torre, uno dei vigneti storici ed iconici di tutta la Valpolicella Classica.
Per festeggiare degnamente il decennale saranno organizzati, durante lo svolgersi dell’anno in corso, alcuni eventi culturali di grande rilievo ed interesse a partire dal primo in programma, la conversazione cioè con Massimo Cacciari su “Noè e Dioniso: l’origine del vino”.
La seconda età del mondo, nella tradizione esegetica medievale, inizia con la fine del diluvio, quando Noè, uscito dall’arca, pianta la vite, produce il vino e si inebria. Non dunque, come volevano i pagani, Bacco è l’auctor vini, ma Noè l’uomo giusto che ha salvato con l’arca, costruita secondo le prescrizioni di Javhè, tutte le specie viventi e, con la sua famiglia, l’intera umanità.
Tutte queste ed altre considerazioni sono raccolte nell’Encomio del Vino, una dotta lode del filosofo bizantino Michele Psello, scritta attorno al 1042 ed ora tradotta ed edita, per la prima volta in italiano da Lucio Coco, nonché finemente commentata sul Domenicale del Sole 24 Ore dal compianto Tullio Gregory. Insomma un libretto importante dove si alternano e si accostano testimonianze di autori pagani, ebraici e cristiani, tutti concordi nel celebrare le lodi appunto del vino, la sua dignità, la sua origine divina: a Dioniso si accosta Noè, all’Ecclesiaste Omero, a Mosè Platone, a San Paolo Aristotele, così da sottolineare l’omogeneità e la continuità della tradizione mediterranea nell’esaltare il vino come fonte di salute e di gioia, dono di Dioniso e di Jahvè.

 

"Sosteniamo volentieri le iniziative in ambito culturale dei nostri clienti e del nostro territorio. Cultura e creatività, sono fattori che più alimentano la qualità e la competitività delle nostre aziende." - Luca Faccioli,  A.D. Metis Solutions